amad-associazione@libero.it Tel.: 340/7501418; 371/3264500

A tutti gli amici di A.M.A.d.

ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE ANNO 2021 E ATTIVITA’ ORDINARIA FUTURA

Causa COVID 19 molte attività non si sono realizzate. Per le persone che convivono con la demenza, le loro famiglie e i volontari sono state attivati canali alternativi per tenere i contatti e per dare supporto.

–      Formazione

Per il  2021 – non è stato possibile realizzare il consueto percorso formativo, lo stiamo programmando parte in presenza e parte online.

  • Pranzo Sociale

Era stato previsto per domenica 5 settembre 2021, all’aperto dalle Suore, c’è stata scarsa adesione e non è stato quindi possibile realizzarlo.

  • Progetto servizi psico-sociali a domicilio

E’ comunque sempre continuato.

  • Caffè Alzheimer 2021

Non è stato possibile organizzarlo.

  • Settimana Alzheimer 2021

Non è stato possibile organizzarla.

Centri Sollievo Alzheimer, sportello

I Centri Sollievo sono ancora chiusi così pure lo sportello in Ospedale, è sempre attiva la linea telefonica dedicata. Per i Centri Sollievo abbiamo predisposto dei protocolli rigidi per la riapertura, che auspicavamo a settembre, invece l’ULSS ha risposto che si valuteraà a gennaio 2022 in base alla situazione legata all’andamento della pandemia.

Comunque sono state realizzate molteplici attività  che, suddivise con riferimento alla persona con disturbo neurocognitivo e la famiglia, ai volontari  e alla comunità,  possono riassumersi come di seguito:

Per le persone con disturbo neurocognitivo (DNC) e le loro famiglie:  Gruppo di auto-mutuo-aiuto per persone con diagnosi in presenza e a distanza (Zoom) incontri settimanali di 1 h e mezzo con una media di 8 persone in presenza, e 5/6 collegate a distanza fino a giugno 2021, nel corso dell’Estate 2021 l’attività è ritornata interamente in presenza. Affiancamento e supporto al Gruppo Orsa Maggiore nel percorso di Advocacy (attivismo per i diritti delle persone con DNC) al quale sono introdotti tramite un progetto promosso dall’Associazione Novilunio di Padova in collaborazione con ULSS 7 e finanziato dalla Regione Veneto. Supporto domiciliare professionale e care management (psicologo, educatore, musicoterapista, insegnante di ginnastica dolce) per 70 famiglie (questo si è reso possibile anche per il contributo economico ricevuto dal Dott. Flavio Carraro, Veterinario, per la vendita del libro ”…e le stalle stanno a guardare”)Telefonate e/o Videochiamate individuali di supporto alla risoluzione di difficoltà legate all’accesso alla tecnologia, o per la promozione di un atteggiamento resiliente rispetto alle sfide quotidiane. Gruppo WhatsApp per condividere materiali (per benessere psicologico) e come promemoria per gli incontri settimanali. Attivato corso di Rilassamento Muscolare 8 incontri di un’oraPromosso il dialogo intergenerazionale, attraverso la corrispondenza epistolare tra classe/alunno e persona con DNC. Sono state coinvolte le scuole del territorio del bassanese sia Superiori e medie con il Progetto “Caro Amico ti taggo” in collaborazione con l’Associazione Vulcano nell’ambito del Progetto Terre di Mezzo.Ciclo di 8 incontri bisettimanali di Well Dance in collaborazione con  Opera Estate del Comune di Bassano del Grappa rivolto a persone con decadimento cognitivo e ai loro caregiver presso i Giardini Parolini di Bassano del Grappa.Attivazione del Programma SHARE, supporto psicoeducazionale alla diade persona con DNC e caregiver nella programmazione delle attività di cura e supporto legate al progredire della malattia grazie a Fondi Regionali e dell’Associazione. Termine previsto del progetto Febbraio 2022 auspicando in una proroga.Attivazione del percorso Terapia della Bambola in famiglia, con presentazione del progetto alle famiglie inizialmente coinvolte a luglio 2021. Il progetto è in corso e, come quello al punto precedente, è finanziato con Fondi Regionali e dell’Associazione. Termine previsto del progetto Febbraio 2022 auspicando in una proroga.
 Gruppo di auto-mutuo-aiuto fra familiari/caregiver sia in presenza sia a distanza (Zoom) – incontri settimanali di 1 h e mezzo con una media di 8/9 persone presenti in sala e 4/5 collegate.Telefonate e/o Videochiamate ai familiari o partner di cura per: a)supportare la salute ed il benessere dell’intero nucleo familiare; b) attivare, se necessario, ulteriori servizi sanitari o sociali territoriali (es. consulenza geriatrica, psico-sociale, protesica). c) fornire informazioni e colloqui psico-educazionali rispetto a situazioni concrete di disagio: ad esempio il ricovero o la perdita del proprio famigliare. d) supporto alla risoluzione di difficoltà legate all’accesso alla tecnologia. Gruppo WhatsApp per la condivisione di materiali informativi e suggerimenti per il benessere psicologico e lo sviluppo di attività educative. Condivisione di materiale informativo o ricreativo via email e attraverso servizi di trasferimento di file di grandi dimensioni (es. Wetransfer). Tra i materiali resi disponibili vi sono audiolibri (in collaborazione con l’Associazione LAV, materiali per la stimolazione cognitiva, link a dirette Facebook e YouTube su tematiche dedicate a persone con diagnosi e loro familiari/caregiver). Creazione di: video augurali, Mandala, libretti e sul Rilassamento muscolareProduzione di un video di consigli psicoeducazionali per la gestione dello stress nel caregiving “Il quaderno dei pensieri”  
Per i VolontariRitrovi periodici all’aperto, e virtuali (Zoom), con i volontari per condividere idee e progetti inerenti le attività correnti e future del Centro Sollievo e per mantenere alto lo spirito di gruppo. Incontro con tutti i volontari il 7 settembre 21 presso le suore della Provvidenza a Tezze sul Brenta.Collaborazione nella pianificazione delle attività e nella preparazione del materiale nonché nella consegna dello stesso a domicilio per mantenere salde le relazioni. Invio di materiali con consigli educativi e risorse gratuite per il tempo libero e la crescita personale nonché il corso di Rilassamento MuscolareFormazione alla conduzione di telefonate di supporto a caregiver e persone con DNC e alla capacità di cogliere segnali di eventuale disagio da segnalare agli operatori di riferimento.Formazione al metodo Montessoriano per persone anziane con decadimento cognitivo.
Per la ComunitàPartecipazione al Convegno Regionale del 21/09/2021 presso l’Ospedale San Bassiano “Co-progettazione, buone pratiche e innovazione. La valorizzazione della Rete delle Demenze nelle AULSS della Regione del Veneto” Presentazione del Progetto Panchina Arancione in collaborazione con Sente-Mente ai Comuni che ospitano i Centri Sollievo; a Novembre 2021 inaugurate le prime due panchine nel Comune di Rosà, a Dicembre 2021 toccherà a Tezze sul Brenta con altre due panchine poi gli altri tre Comuni che hanno aderito (Asiago, Marostica, Romano D’Ezzelino).Dialogo e collaborazione con altre Associazioni a sostegno delle persone con DNC della Provincia di Vicenza nell’ottica di partecipare a progetti di interesse provinciale e creare così una rete a sostegno delle persone e famiglie che convivono con la demenza. E’ stato costituito un Polo provinciale tra le quattro associazioni presenti in provincia di Vicenza.Partecipazione al Coordinamento Regionale Alzheimer (Associazioni di Vicenza, Padova, Venezia, Rovigo e Treviso) per sensibilizzare e portare proposte agli appositi “Tavoli” Regionali.Promozione e organizzazione della mostra fotografica “Ogni Vita è un Capolavoro” del Fotografo De Martin all’interno della manifestazione “Bassano Fotografia” dal 11 settembre al 1 novembre 2021. Per sensibilizzare la comunità nei confronti degli anziani fragili

ATTIVITA’ 2022 – COVID permettendo

  • Saranno mantenuti i servizi possibili utilizzando anche le piattaforme social
  • La formazione per familiari e caregiver in genere sarà organizzata.
  • L’Associazione continuerà il servizio psico-sociale a domicilio .
  • Tramite lo spot realizzato cercheremo, attraverso i canali possibili, di organizzare una campagna di sensibilizzazione e reclutamento volontari per aumentare le giornate di apertura dei Centri Sollievo;
  • il gruppo di auto mutuo aiuto tra persone che convivono con lieve deficit cognitivo (già costituito in ULSS) continuerà la sua attività diventando strumento di aiuto per altre persone con fragilità cognitiva. In particolare l’associazione supporterà il Gruppo Orsa Maggiore nell’attività di Advocacy iniziata con l’Associazione Novilunio di Padova.

E’ prevista l’apertura di due nuovi Centri Sollievo: uno a Rossano Veneto e uno nel Comune di Valbrenta

BASSANOFOTOGRAFIA E AMAD

Ogni sabato e domenica dall’11 settembre al 1 novembre presso “spazio Corona” in Largo Corona d’Italia, 35 a Bassano del Grappa: ore 10.00 – 12.30 e 15.00 – 19.00

L’Associazione Malattia di Alzheimer ed altre Demenze (AMAd https://www.amadonlus.it/) ha voluto fortemente presentare i risultati di questo progetto – nato e sviluppato nella Residenza Menegazzi, che ha sede a Treviso ed è una delle residenze per anziani dell’ISRAA – per la sua originalità e per la capacità di dimostrare come ogni vita sia veramente un capolavoro che può confrontarsi con capolavori dell’arte che sono emblemi della bellezza. E tutto questo a prescindere dalle condizioni degli attori che vediamo rappresentati. Osservando ogni foto di questa esposizione non si riuscirà a capire se il protagonista è autonomo sulle gambe o è in carrozzina, è lucido oppure affetto da demenza, ha il morbo di Parkinson, se ha una neoplasia. Ma è proprio questo il bello.
Dietro a tutto questo c’è una cultura che mette al centro la dignità della persona e che propone di passare da logiche “anti aging” che enfatizzano la paura dell’invecchiamento al “pro good aging” che mira invece a favorire un buon invecchiamento valorizzando al meglio ogni momento della vita di ciascuno.
In considerazione degli studi che evidenziano i benefici dello stare a contatto con il bello, stimolati dall’esperienza del progetto “Ritrattando” curato da Eros Mauroner e Enzo Genna , scoperto all’Alzheimer Fest Gavirate del 2017, si è dato avvio ad un progetto che costituisse un trait d’union tra arte, fotografia e la bellezza della normalità
Il progetto è stato realizzato tra giugno e agosto 2018, con una sessione settimanale di due ore, che potevano variare anche in corso d’opera in funzione della preparazione dei soggetti.
I quadri sono stati scelti secondo criteri di estetica, di possibilità di realizzazione e di gradimento da parte degli attori coinvolti. Gli attori sono stati individuati fra gli anziani residenti in base alle caratteristiche fisiche, alle loro storie di vita all’indole, alle attitudini.
I quadri venivano proposti e scelti insieme agli anziani “attori” nei giorni precedenti alla sessione settimanale e quindi in tempo per analizzarli e preparare lo scatto era relativamente breve.
Come veri attori, i protagonisti hanno sempre avuto a disposizione un camerino, una sedia da regista con il loro nome, una squadra a loro disposizione …e un applauso alla fine di ogni sessione.
La particolare cura nel mettere la persona al centro ha coinvolto i fotografi non solo nel momento dello scatto fotografico, ma anche in ogni fase del processo di preparazione: l’aspetto tecnico si è messo al servizio del benessere e della relazione con gli anziani
Il percorso si è concluso con un confronto con ciò che ogni immagine evocava nel vissuto dei componenti dell’Equipe. Da questo passaggio nascono i nuovi titoli e la proposta di narrazione che crea un dialogo fra la tela, il lavoro del gruppo ed ogni singolo spettatore.